FANDOM


IntroduzioneModifica

Mercurio è il pianeta più vicino al Sole del Sistema Solare. La mitologia lo vuole ricordare come il dio greco Ermes, Mercurio per i romani. Proprio a causa della sua velocità elevata di rivoluzione, Mercurio rappresentava il messaggero degli dei. Egli infatti indossava particolari calzari alati che gli permettevano di volare e di raggiungere le sue destinazioni in breve tempo.

Come la Luna, Mercurio visto al telescopio presenta delle fasi, e insieme a Venere è possibile osservarlo, sempre in condizioni orbitali favorevoli, in prossimità del Sole.


AtmosferaModifica

Mercurio non possiede atmosfera, la sua massa non è in grado di generare un’ attrazione gravitazionale tale da trattenere un’ atmosfera, inoltre la sua stretta vicinanza al Sole impedisce l’ esistenza di gas proprio a causa dalle elevate temperature cui è soggetto il pianeta.


SuperficieModifica

Grazie alle immagini prodotte dal satellite Mariner 10, unico veicolo spaziale ad aver visitato fino ad ora questo pianeta, Mercurio si presenta come un pianeta costellato da crateri proprio come la Luna. Le immagini del Mariner 10 diedero conferma della teoria dell’accrescimento ipotizzata da Victor Safronov. Poiché, si può comprendere che, il materiale attirato dalla gravità del Sole trovava come primo bersaglio proprio Mercurio. C’è una prima distinzione tra i crateri di Mercurio e quelli lunari: in primo luogo i crateri secondari, cioè quei crateri prodotti dai corpi rimbalzati a seguito di un impatto che ha generato il cratere primario, risultano più vicini rispetto ai crateri secondari lunari, questo è dovuto alla maggior attrazione gravitazionale di Mercurio rispetto alla Luna. In secondo luogo i crateri di Mercurio presentano un’ assenza di picchi centrali e orli più smussati. Questo significa che durante il periodo di formazione, periodo in cui ha ricevuto più impatti, doveva avere una superficie abbastanza calda tale da fondere se pur parzialmente questi crateri.

Anche se gira velocemente attorno al Sole, Mercurio ruota attorno al suo asse molto lentamente. Durante il periodo di rivoluzione il pianeta ruota sul proprio asse solo una volta e mezzo. Questa lenta rotazione fa sì che per lunghi periodi lo stesso emisfero rimanga rivolto verso il Sole: ne consegue un forte contrasto tra la notte e il giorno. Di notte la temperatura sull’emisfero opposto al Sole raggiunge i -180°C, mentre la zona illuminata raggiunge i 430°C.

Su Mercurio non esistono stagioni, poiché l’asse di rotazione è praticamente ortogonale al piano della sua orbita, e proprio per questo motivo gli scienziati pensano che ai poli ci siano dei sottili strati di ghiaccio, visto che tali zone non sono colpite direttamente dai raggi solari.


Struttura InternaModifica

Grazie alle misurazioni effettuate dal Mariner 10, si è scoperto che Mercurio è un pianeta abbastanza denso, probabilmente possiede un nucleo che comprende l’ 80% della massa costituita principalmente da solfuro di ferro e monossido di ferro. Questo nucleo a sua volta è circondato da un mantello e da una sottile crosta composta da silicati.


Dati fisiciModifica

Distanza media dal Sole 57,9 milioni di Km

Diametro 4878 Km

Velocità orbitale attorno al Sole 47,87 Km/s

Periodo di rotazione 58g 16h

Periodo di rivoluzione 88g

Satelliti noti nessuno

Massa (Terra = 1) 0,055

Volume (Terra = 1) 0,056

Densità media 5,43 g/cm3

Temp. Min alla superficie 170°C

Temp. Max alla superficie 400°C

Inclinazione dell'asse

Incl orbita rispetto all'eclittica 7° 00’ 15’’

Pressione alla superficie (Terra = 1) 10-15

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale