FANDOM


IntroduzioneModifica

La scoperta di Urano ha diciamo aperto gli orizzonti agli astronomi del’ 800, nel senso che dopo questa scoperta qualsiasi pianeta al di fuori dell’ orbita di Saturno (ultimo pianeta ad essere visibile ad occhio nudo) era plausibile. La scoperta di Nettuno derivò da studi riguardanti l’ orbita di Urano. Diversi astronomi infatti scoprirono che c’era qual cosa che interferiva gravitazionalmente l’ orbita di Urano, questo qual cosa era Nettuno che venne ufficialmente scoperto il 23 settembre 1846 da un astronomo tedesco Johann Gottfried Galle e dal francese Urbain Le Verrier dall’Osservatorio di Berlino.


ComposizioneModifica

E’ ritenuto il pianeta gemello di Urano date le simili dimensioni e composizione chimica. Come Urano infatti l’intenso colore azzurro è dovuto dalla presenza di metano nella sua atmosfera. Non a caso Nettuno era per i greci il dio Poseidone, il dio dei mari. Dalle analisi effettuate dall’ unica sonda automatica che raggiunse il pianeta, il Voyager 2, si è riscontrata la presenza di uno strato composto da molecole di elio e idrogeno sovrastato a sua volta da spesse nubi a carattere cirriforme. A differenza dell’ atmosfera di Urano l’ atmosfera di Nettuno è molto attiva con venti che spirano i 2000 Km/h. Altra caratteristica dell’ atmosfera nettuniana è la presenza come su Giove di grandi vortici come la Grande Macchia Scura e sotto di essa uno più piccolo, "l’occhio del Mago", scoperti entrambi dalla sonda Voyager 2.

Come i precedenti pianeti gassosi, anche Nettuno possiede un sistema di anelli visibili da Terra mediante la tecnica delle occultazioni e studiati più in dettaglio dalla sonda. C’è da ricordare inoltre che la presenza di forti venti e nubi, è attribuito al fatto che come su Saturno, Nettuno possiede una fonte di calore interna molto intensa. Il calore prodotto dalle regioni centrali causa dei moti convettivi che sono a loro volta alla base dell’ origine dei forti venti esistenti nell’atmosfera.


Dati fisiciModifica

Distanza media dal Sole 4496,6 milioni di Km

Diametro 49528 Km

Velocità orbitale attorno al Sole 5,4 Km/s

Periodo di rotazione 16h 06m

Periodo di rivoluzione 164,8 anni

Satelliti noti 8

Massa (Terra = 1) 17,135

Volume (Terra = 1) 57,675

Densità media 1,64 g/cm3

Temp. Media superficie -220°C

Inclinazione dell' asse 28° 48'

Incl orbita rispetto all' eclittica 1° 45’ 19’’


Satelliti di NettunoModifica

Il satellite più grande di Nettuno è Tritone, un satellite già noto insieme a Nereide ancor prima dell’ avvicinamento del Voyager 2. Rispetto a gli altri satelliti Tritone si muove con moto retrogrado, inoltre con i suoi – 238°C risulta tra i corpi più freddi del Sistema Solare.



Tabella Satelliti di Nettuno

Satellite Distanza orbitale (Km) Periodo orbitale(gg) Scopritore Anno di scoperta

Naiad 48000 0,294 Voyager 2 1989

Thalassa 50000 0,311 Voyager 2 1989

Desponia 52500 0,334 Voyager 2 1989

Galatea 62000 0,429 Voyager 2 1989

Larissa 73600 0,555 Reitsema 1989

Proteus 117600 1,122 Voyager 2 1989

Tritone 354800 5,877 Lassell 1846

Nereide 5513400 360,136 Kuiper 1949

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale